L’astrattismo di Siskind e i photocollage di Hockney

Providence 95 / Aaron Siskind, 1986.

“Move on objects with your eye straight on, to the left, around to the right. Watch them grow large as you approach, group and regroup themselves as you shift your position. Relationships gradually emerge and sometimes assume themselves with finality. And that’s your picture.” (A. Siskind, “The Drama of Objects“, 1945).

Frammenti di muri, finestre rotte, dettagli architettonici, macchie, oggetti smarriti e poster disintegrati: questi sono i materiali con cui lavorò Aaron Siskind. Ma la sua fotografia astratta, definita espressionista, non iniziò da qui. Siskind crebbe a New York e insegnò inglese per quasi 30 anni. Si unì a Photo League e ne divenne direttore nel 1936 realizzando importanti documentari sociali. Si avvicinò al design e all’architettura e insegno’ all’Institute of Design di Chicago mentre fotografava i suoi soggetti da punti di vista sempre più intimi, inquadrandoli in modo da sottolinearne sempre più  le loro qualità formali e non più il loro insieme. Li fotografò enfatizzandone la texture, la linea, il colore e creando immagini il cui contenuto risulta irriconoscibile e astratto.

La fotografia si trasformò per Siskind in una forma di espressione con un’estetica e un fine propri.

In modo esattamente opposto, diversi anni dopo, l’artista inglese David Hochney (1937) realizzerà giganteschi photo-collage raggruppando centinaia di singole polaroid scattate da diverse prospettive di uno stesso soggetto, illeggibili e astratte se prese singolarmente. I due artisti seguono quindi procedimenti inversi nel loro lavoro, il primo astraendo i suoi soggetti focalizzandosi sui loro singoli dettagli e il secondo fissando proprio quei dettagli astratti per comporre un’immagine che nel suo insieme diventa infine descrittiva.

Il lavoro di Hockney si avvale oggi esclusivamente della pittura, avendo l’artista abbandonato (per sempre?) la tecnica fotografica. Dal 22 gennaio prossimo Hochney sarà in mostra alla Royal Academy of Arts di Londra con  “A bigger Picture”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: